Nuovi chip Intel nei computer Apple.

Da quando, un paio di mesi fà, sono usciti i primi computer Apple con processore Intel [detti Mactel] è iniziata la corsa da parte di molti hacker a chi prima riusciva a far girare sulle nuove macchine il S.O. Windows XP. Per i meno esperti diciamo subito che i Mac non usano il classico BIOS per avviare la macchina ma un firmware chiamato EFI (Extensible Firmware Interface), cosa che rende Windows XP non installabile sui Mac.

Apple ha deciso che gli hacker stavano perdendo troppo tempo e ci ha pensato lei stessa a risolvere il problema rilasciando il software Boot Camp.

Si tratta ancora di una versione beta, ma funzionante seppur con qualche problema.
La versione definitiva sarà inglobata nel nuovo sistema operativo Mac OSX 10.5 – nome in codice Leopard – che dovrebbe uscire entro la fine dell’anno.

Ed entro la fine dell’anno dovrebbero essere convertiti con processori Intel tutti i modelli della Apple compresi quelli di fascia più bassa, mentre oggi sono disponibili solo i modelli più costosi, quindi chi ha intenzione di cambiare computer entro la fine dell’anno è avvisato, il computer perfetto [con MAC OSX più Windows o Linux per il software non disponibile per la mela] sta’ per arrivare, DRM e Trusted Computing permettendo.

apple.com/macosx/bootcamp/