Come convertire i nostri film preferiti in DivX.

Approfondimenti / Guide

  1. Creare DivX con DVDx
  2. Creare DivX con Xmpeg

DivX & Xvid

Lo scopo di questa sezione è quello di spiegare come si possono creare dei supporti di backup (CD-Rom) dei nostri Film preferiti.
Vengono fatti diversi esempi, da quelli più semplici dove si fa tutto con un solo software, a quelli più complessi che richiedono l’uso di più software ma che consentono risultati superiori come ad esempio il mantenimento dell’audio Ac3 con 5.1 canali, la possibilità di inserire il doppio audio e della scelta di sottotitoli in piu’ lingue.
Il possesso di Film nei formati DivX / Xvid è legale solo se si possiede l’originale.

DivX

Il codec DivX serve a comprimere dei file video in modo da occupare meno spazio.
Si basa sul formato mp4 e serve a codificare un file e a decodificarlo durante la riproduzione.

Per creare un file DivX occorre utilizzare un encoder che procederà alla conversione, per riprodurre il file occorre utilizzare un player che usa il codec (ad esempio bsplayer, winamp).

Il codec DivX nasce come progetto gratuito grazie al lavoro di molti volontari, ma dalla versione 5.xx la DivX Networks ha deciso di chiuderne il codice sorgente, facendolo diventare un software proprietario.
A questo punto gli sviluppatori iniziano a lavorare su un altro codec compatibile con il DivX.

Xvid

Il nuovo codec realizzato dallo stesso team di volontari che aveva lavorato sul DivX viene rilasciato sotto la licenza GPL in modo da tutelarne in futuro la chiusura a chiccessia.

Nel giro di pochi mesi, ripartendo da zero, il codec Xvid ha raggiunto la piena maturità e al giorno d’oggi molti preferiscono usare questo codec non solo perchè gratuito ma anche perchè darebbe più velocità e migliori risultati.

La compatibilità con il DivX è pressochè totale, in fase di codifica infatti basta il “Fourcc Code” del divx 5.xx per realizzare dei video leggibili anche dai lettori DVD da tavolo che supportano il DivX.

Da Sapere

    1. CBR e VBR
    Letteralmente Constant Bit Rate e Variable Bit Rate. Si usa per indicare il metodo di compressione seguito, cioè se a Bit Rate Costante o Variabile.
    Seguendo un Bit Rate Costante si è in grado di determinare la grandezza finale del file ancora prima di comprimerlo, ma questo solo in teoria, o meglio solo per l’audio Mp3, mentre il Bit Rate Costante nella compressione Video Avi Mpeg4 DivX non è costante per niente.
    Questo è il punto di forza della compressione Mpeg4 che in questo modo riesce a comprimere di piu’ le scene statiche e di meno quelle dinamiche con risultati ottimi.

    2. Singola e Doppia Passata
    La compressione Mpeg4 DivX puo’ essere fatta a 1 o 2 passate.
    La modalità a 2 passate dà risultati migliori in quanto il codec nella prima passata non comprime ma “si fa un’idea migliore” di dove applicare le compressioni piu’ alte e quelle piu’ basse e nella seconda passata le applica.
    Pro e Contro della modalità a 2 Passate: qualità superiore, tempo impiegato doppio rispetto alla singola passata, difficoltà superiori nel calcolo della dimensione del file che si otterrà.

Requisiti Software

Installare i driver Aspi
Accertarsi di avere le librerie Directx 8.1 o superiori
Scaricare il lettore-codec DivX

Requisiti Hardware

Processore 1 GB o superiore
Ram 128 MB o superiore
2 GB o piu’ di spazio libero su Hard Disk
1 lettore Dvd per Pc
1 masterizzatore
Scheda grafica con uscita S-Video o Video Composito oppure
1 lettore Dvd da tavolo con supporto Cd-R/RW, Mp3 e DivX

Link

divx.com
xvid.org
adaptec.com Driver Aspi
microsoft.com Librerie Directx 8.1 o superiori

Approfondimenti / Guide

  1. Creare DivX con DVDx
  2. Creare DivX con Xmpeg